Archivio per ottobre, 2009

Ora Vado Via…X Sempre!

Posted in Senza categoria on 30 ottobre 2009 by LadyHawke89
Poi quando la prima alba, aveva rischiarato la camera…s’era rialzata sul gomito per guardare Fearingel che dormiva…Nel tenue chiarore, il viso bruno di lui, si distingueva appena, ed ella lo contemplava come un paesaggio..amato nell’adolescenza, dal quale dovesse staccarsi per sempre…
Il tuo viso..mi ricorda le strade fatte insieme mano nella mano, i bei momenti, la città, da cui non riesco a staccarmi…Non voglio sentirmi esule da te..eppure devo andare..vero? Mi aspettano..lo so..altri paesaggi, altri momenti, altre persone…un altro viso…DEVO ANDARE!

Chissà.. forse un giorno scoprirò che non ci siamo mai perduti e che tutta questa tristezza, in realtà non è mai esistita.

Annunci

La dea dell’amore

Posted in Senza categoria on 22 ottobre 2009 by LadyHawke89
Era notte, nel cielo brillava alta la luna piena…non vi era neanche una stella..il cielo sembrava triste…come me.
Per le strade non v’era un anima, tirava un pò di vento gelido..Chiudevo gli occhi sperando che quel vento fosse il tocco della tua mano.
Camminavo, senza una meta, fissando la luna, chiedendole aiuto, chiedendole un perchè..Persa nei miei pensieri camminai a lungo, perdendo la strada di casa..Tra un vicoletto ed una stradina, mi ritrovai davanti ad un immenso parco, vi varcai la soglia e iniziai a vagare fra gli alberi.
La mia lunga veste bianca sollecitiva l’erba, che al mio passo frusciava sotto i miei piedi nudi..la mia pelle bianca, fredda, come quella di una morta…i capelli lunghi sciolti, mi coprivano il viso…sembravo un fantasma…

Mentre camminavo vidi da lontano una luce, mi avvicinai, misi a fuoco e notai il debole brillio di una candela; continuai ad avvicinarmi e notai una persona: un anziana vecchietta, che stringeva fra le sue deboli mani quella candela..mi guardò per un secondo, poi si avvicinò e con una mano toccò il mio vestito dicndo :"Un angelo…"…Stupita guardai la vecchietta e le risposi :"no…no…non sono un angelo..tutt’ altro…sono una vittima dell’amore..", la vecchina mi lascia la veste e mi disse :"no, no angelo..non devi soffrir d’amore, tu devi vivere per l’amore.." poi la candela fu spenta da un soffio di vento e l’anziana signora sparì….
Un rumore alle mie spalle, mi voltai di colpo ed eccolo lì…un bellissimo lupo dal pelo nero come la notte, che camminava fra gli alberi decisi di seguirlo e mi incamminai dietro di lui, mi portò lungo un sentiro alberato, poi sparì ed io mi ritrovai di nuovo sola, davanti ad un lago…Ci entrai dentro e senti l’acuqa fredda sulla pelle, chiusi gli occhi e pensai di nuovo a te…
                                    
Uscii dall’acqua e continuai il mio cammino, coi piedi bagnati e con l’erba che mi solleticava.
Arrivò l’ora del dolore…iniziai a piangere, caddi sotto un albero senza riuscire più a rialzarmi..il cuore mi faceva male, lo sentivo che si stava spezzando, lacerando, stracciando dal petto..Mi mancavi, ma non serviva a nulla dirtelo, era inutile tornare a casa, quindi restai li, stesa, a piangere…ti avevo perso..Iniziò a piovere "ecco -pensai- anche il cielo piange con me….le sue attenzioni d’ora in avanti, saranno per un’ altra, il suo corpo ad un’altra…si forse il suo cuore è ancora mio, forse sarà mio per sempre, ma lui non sarà mai più fra le mie braccia…".
Eravamo fatti per stare insieme..eravamo una bella coppia…eravamo..perchè non lo saremo più…"tu sarai di un’altra – pensai – e io mi lascerò morire qui…non mi alzerò mai più, aspetterò la morte giorno dopo giorno..perchè senza te, la vita non ha senso..".
"Addio mio vecchio amore" furono le mie ultime parole, prima di chiudere gli occhi per sempre..quella notte si spensa la vita in me, si spense la <bella senz’anima>.
La mattina, un bellissimo angelo, mi prese in braccio e mi portò fino alla fine del sentiro, depose il mio corpo in una teca di ghiaccio e ricorprì quella bara con un altra lastra di ghiaccio spessa come il muro di un palazzo. Sulla teca incise testuali parole "QUI, GIACE LA BELLA SENZ’ANIMA, MORTA PER AMORE…E PER SEMPRE NELL’AMORE VIVRA’…"
                    
Adesso, che sono un fantasma, tutte le notti posso godere della tua compagnia..vengo nella tua stanza, mi siedo sul tuo letto e ti guardo dormire.
Spesso sentirai freddo, non temere, sono solo le mie gelide mani che ti sfiorano dolcemente o il mio respiro di ghiaccio mentre provo a darti un bacio.
Se lei dorme al tuo fianco e ti abbraccia, la mia gelosia diventa invidia, l’inidia diventa rabbia e le farò passare le notti più brutte, ricche di terribili incubi…Invece a te, ti proteggeò sempre, anche a costo di restare per sempre inchiodata su questa terra…
Ti amerò per sempre…e per sempre nell’amore vivrò…

“Guardami…..”

Posted in Senza categoria on 10 ottobre 2009 by LadyHawke89
Ti scrivo lettere sbagliate…
Quelle vere non toccano la carta..
Ieri ad esempio, spingendo per 2 ore
la carrozzina di Laura per una strada sconosciuta
accarezzando lungo il cammino gli arbuti spinosi in fiore,
come si accarezza un cane altrui…
Ecco ieri io ho parlato ininterrottamente di te..
Quando diventavi pensieroso,
ti prendevo con entrambe le mani la testa
e te la voltavo..
"guardami …" dicevo
e mi partiva un tenero un sorriso…


                             
                                           i miss you

Ric0rdi……

Posted in Senza categoria on 10 ottobre 2009 by LadyHawke89
Ti
capita mai di pensarmi??? A me capita spesso..prop ieri mentre tornavo
a casa.. ero seduta sul pullman, ascoltando musica e gurdando fuori dla
finestrino.. una lacrima ha solcato il mio viso. 

                                 
Un ragazzo aveva la stessa nostra fedina, mi sn incantata a guardarla per un pò ed ho fatto un salto nel passato…
La
mano del ragazzo era diventata la tua mano..ed io ero li che la fissavo
incantata, poi tu mi guardavi e mi dicevi "amore tutto bene? che
pensi?" ed io sorridevo e dicevo "nulla, gaurdavo cm brilla …" poi mi
perdevo nei tuoi occhi ti dicevo "Ti Amo!" e ti baciavo
dolcemente….ma poi quella scena è sparita, sn tornata io, seduta sul
pullman ad ascoltare musica, il ragazzo e sceso alla sua fermata e una
lacrima e scappata via, portandosi un pezzetto del mio cuore….

…BaMbOlA dI pEzZa…

Posted in Senza categoria on 4 ottobre 2009 by LadyHawke89


Da bambina sembravo una
bambola di pezza.                   
 

Così piccola e
delicata.

I capelli castani, lunghi e mossi.

E i miei occhi  marroni, fin
troppo scuri per un
a bambina.

Freddi e inespressivi.

Solo due pozzi neri dove
specchiarsi.

I miei occhi seri non
hanno mai lasciato intravedere la mia anima.

Scheletrica. Cadaverica.
Bianca.

La mia carnagione bianca.

Una morta. Ecco. È
questo che sembravo.

Un cadavere vivente.

Una bambolina.

Vivevo in una casa gelida.

Viziata e ben educata.
Fuori.

Triste e sanguinante.
Dentro.

I miei vestiti di tulle e
pizzetti                

Mi impedivano di giocare.

Troppo difficile la mia
infanzia.

Troppo forte da non
poterla ricordare.

Dentro di me un gelido
vento di tristezza.

La mia camera era perfetta
e ordinata.

La mia anima era
straboccante di confusione.

Solo un posto dove potermi
confortare.

La mia camera gelida.

Il mio vecchio cuscino
bianco.

Inzuppato di lacrime nere.

un eco gelido arriva dalla
came
ra di fianco.

L eco della morte.

Così dolce quando
soffri.

Così triste quando
arriva per davvero.

Il muro caldo raggelato
delle mie grosse e scintillanti

Lacrime oscure.

Una bambolina tirata da
dei fili.

Mai decisioni proprie. Mai
decisioni prese d’ istinto.

Solo parole ragionate e
razionali.

Solo per il mio bene.
Dicevano.

Una bambina che giocava
con le bambole di porcellana.
         

Così perfette. Così
crudeli. Così infinitamente serie e controllate.

È così che
mi volevano.

Ma non mi avranno.

Le loro braccia e le loro
voci.

Accontentata e aiutata
sempre. In tutto e per tutto.

E di nuovo li.

In camera con il mo
cuscino.

Lo inzuppo nuovamente.

Splendida tristezza.

Splendido eco di follia.

Spalancai la mia finestra.

E in un attimo giù.

La morte mi ha chiamato.

E io sono andata con lei.

Addio gelide bambole di
pezza.